San Marino. Attimi di paura per il terremoto, gente in strada e scuole chiuse

Attimi di paura per il terremoto, gente in strada e scuole chiuse

Una forte scossa di terremoto ha svegliato l’Italia alle 7.07: il sisma, con epicentro a una profondità di 8 chilometri nella costa marchigiana a una trentina di chilometri da Fano, è stato avvertito distintamente anche molto lontano, come a Bologna, Padova, addirittura Trento. Anche sul Titano la scossa è stata avvertita dalla popolazione che, a quell’ora, si accingeva ad iniziare le attività quotidiane. La magnitudine stimata dall’Ingv è 5,7. Al momento non si registrano danni di particolare entità né feriti. Lo sciame sismico è comunque continuato per l’intera mattinata. Sono oltre 70 le scosse con magnitudo superiore a 2 gradi registrate dall’Istituto nazionale di geofisica e vulcanologia con epicentri a largo della costa pesarese ed in alcuni casi di quella anconetana registrati nella giornata di ieri. La più forte, si diceva, alle 7.07 di magnitudo 5.7 a 31 chilometri da Fano e a 35 chilometri da Pesaro mentre le altre scosse hanno registrato una magnitudo compresa tra 4 e 2. Al momento non si registrano danni di particolare entità né feriti (…)

articolo tratto da L’informazione

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy