San Marino. L’informazione: “Governo ‘prende’ 268mila euro dei cittadini di Faetano per ‘darli’ a BSM”

DANIELE BALDISSERRI – C’era una volta, nel ridente e tranquillo castello di Faetano, una vecchia scuola ceduta all’Ente Cassa di Faetano che in cambio avrebbe contribuito al finanziamento di quella nuova. Quando la brillante mente del celebre architetto di fama mondiale Paolo Portoghesi ideò, nell’ambito di tale progetto di riqualificazione, il “ponte” che avrebbe comportato il sacrificio del bocciodromo, si accettò di perdere questo importante punto di riferimento per la comunità in cambio del versamento degli affitti che l’Ente Cassa avrebbe percepito dallo stato (quindi da tutti noi) per i locali adibiti a poste, farmacia e centro sanitario. Tali somme sarebbero state impiegate per interventi nel centro storico di Faetano (art. 3, contratto N. 13111 del 23/10/2009). La precedente giunta di castello, per tale vincolo, ha potuto opporsi alla richiesta da parte della Segreteria al territorio del governo passato di utilizzarle per la sistemazione di diversi smottamenti franosi.

Venendo ai giorni nostri,  alla domanda dell’attuale amministrazione locale di Faetano di batter cassa all’Ente Cassa, quest’ultima ha ben pensato di rivolgersi all’On. Stefano Canti per fare modificare le regole del gioco domandando che le somme accantonate fino ad oggi, pari a 326.205,00 euro potessero essere impiegate per la “patrimonializzazione della partecipata Banca di San Marino SPA”.

Il risultato è che, con un’azione degna di un Robin Hood al contrario, la farraginosa elefantiaca macchina burocratica statale questa volta ha incredibilmente e repentinamente accolto la richiesta, emanando la nuova delibera in 15gg. Di conseguenza, alla seduta pubblica di lunedì scorso presso la sala dell’Ente Cassa di Faetano presenziata dal segretario al territorio (e disertata dall’Ente Cassa), la giunta non ha potuto che prender atto della delibera N°34 del 29/11/2021 emanata a sua insaputa. L’impressione è che, ancora una volta quest’ultima, sia stata considerata come la Cenerentola delle istituzioni ma in questo caso senza lieto fine. I faetanesi hanno ringraziato il Capitano di castello, Giorgio Moroni, per aver organizzato la serata nel corso della quale vane sono risultate le loro decise repliche. Sono stati espressi ampio sdegno e disaccordo per la modalità adottata in quanto in un’ottica di corretta dialettica, il segretario al territorio e l’Ente Cassa avrebbero dovuto incontrare i cittadini prima del malfatto.

La consolazione è assai magra, 40mila euro per la realizzazione di un campo da beachvolley e la pezza è parsa peggiore del buco quando l’On. Canti ha promesso che lo stato avrebbe fatto fronte al resto della somma e cioè 286.205,00: “Ma lo stato siamo noi, segre[1]tario!” ha replicato la platea. Resta il fatto che nessun membro del direttivo dell’Ente si sia sentito in dovere di presenziare per rendere conto ai propri concittadini della modifica dei patti, gettando una pesante ombra sulla sua credibilità, la quale pare ormai assai decaduta. Per usare una metafora della favola, da carrozza si è trasformata in zucca o qualche malalingua locale, avrebbe detto in un costosissimo camper blindato dotato di cassaforte acquistato qualche anno fa.

A questo proposito due sono le ipotesi in campo: la prima, allo scopo di appostarsi nei castelli della repubblica in occasione dei mercati settimanali onde proporsi come prima filiale ambulante di San Marino, la seconda dotarsi di un pronto e sicuro mezzo di fuga nel caso gli eventi dovessero precipitare, se pensiamo che per patrimonializzare si è ricorso anche ai fondi donati alla cittadinanza… siccome tale è stata la giustificazione sancita nella delibera, non ci sarebbe da essere troppo ottimisti sulle condizioni di salute dello storico istituto bancario.

Articolo tratto da L’informazione di San Marino, pubblicato integralmente dopo le 23

Tratto da L’informazione di San Marino

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy