Turismo in crisi, Cto San Marino: “Serve una norma per avere aiuti dalle banche”

“Tutte le banche sammarinesi sono disposte ad aiutarci, ma serve subito la norma!”.

Lo afferma il Comitato turismo organizzato San Marino, spiegando in un comunicato di aver incontrato le banche in questi giorni, ma dagli incontri “non sarebbe emerso nulla di concreto e di sostanziale se non altro che una moratoria di altri 12 mesi per quei pochi finanziamenti ottenuti dal decreto n. 63”.

Il Cto San Marino, in primo luogo, “ci tiene a ringraziare per gli incontri costruttivi tutte le banche sammarinesi: Carisp, nella persona del suo ad Gianfranco Vento; Bac, nella persona del suo vice direttore generale Marco Castronovo; Bsi, nella persona del suo direttore generale Pierluigi Rossetti; Bsm, nella persona del suo direttore generale Luigi Scola”.

“Tutte le banche – fa sapere il Comitato turismo organizzato San Marino – hanno dato la massima disponibilità ad aiutare un settore vitale e d’eccellenza sammarinese, che grava in forte difficoltà essendo veramente l’unico ancora fermo a tutt’oggi. Avendo già più volte sensibilizzato il governo negli incontri avuti tra banche e segreteria Finanze, il consiglio di tutte, è quello di farci avere immediatamente, tramite le segreterie, una norma precisa con dei paletti opportuni ma con una semplificazione delle pratiche e soprattutto una garanzia statale 100%, che consenta di intervenire celermente in queste attività che da oltre 2 anni non lavorano e hanno continuamente dei costi fissi importanti”.

Luca Ruco, presidente del Cto San Marino, ricorda che, “prima della pandemia, il settore risultava essere sano e pieno di ricchezza sia in termini economici che occupazionali, quindi il governo prenda quanto prima le redini di questa situazione gravosa e faccia la sua parte traghettando queste aziende sino alla fine dell’emergenza sanitaria”.

Per questo motivo il Cto San Marino, insieme all’Organizzazione sammarinese degli imprenditori, “ha già richiesto un incontro alle segreterie Finanze, Industria, Turismo e Lavoro, che hanno messo già in programma di vedersi tra loro nella prossima settimana e successivamente incontrarsi con una delegazione del Cto e di Osla”.

Inoltre, “è stato richiesto anche un incontro con Abs per fare una panoramica del settore e per aggiornarla sulla situazione attuale”.

“Speriamo vivamente che la politica passi dalle parole ai fatti”, dice infine il Cto San Marino.

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy