San Marino aspetta il memorandum della cuccagna

La casta della Repubblica di San Marino ha  fretta  adesso che il Presidente dell’Associazione Bancaria Sammarinese (dopo l’ingresso del Paese nella white list) ha dato praticamente per  firmato il Memorandum d’intesa fra Bankitalia e Banca Centrale. Miglior notizia non poteva arrivare dopo che  il Consiglio Grande e Generale ha riaffermato  che  sulla vendita di licenze bancarie  non ci sono vincoli da parte dello Stato, benché  siano state  lavate con soldi pubblici.

Dunque Memorandum sia. La  prospettiva  è quella annunciata a suo tempo da Gabriele Gatti, segretario di Stato alle Finanze,  il 26 novembre 2009 (firma dell’Accordo di Collaborazione Finanziaria): consentire a banche e finanziarie sammarinesi di aprire i banchetti dei loro prodotti finanziari su tutte le piazze d’Italia (poi corretto, da Fiorenzo Stolfi,  in: ‘tutte le piazze d’Europa‘). 

Che importa se Giulio Tremonti, nelle ore precedenti quella firma, attraverso lanci di agenzia, aveva fatto sapere che, con detto accordo,  la vigilanza della Banca d’Italia si stava estendendo alla Repubblica di San Marino? 

Che importa se non sono ancora scomparsi i timori che l’Italia -con l’effetto combinato di ‘Accordo di collaborazione finanziaria’ e Memorandum- assoggetti la Repubblica di San Marino  come  fece la Francia,  ai tempi di  De Gaulle, con Monaco?

Avvertite che Dogana non è  sul mare!

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy