San Marino. Bilancio, Tonnini sul voto si astiene

Legge di Bilancio, sul voto si astiene la Tonnini. Beccari: “Deficit sotto controllo”

Qualche segnale arriva nella votazione della legge di bilancio. La finanziaria viene infatti approvata con 30 voti favorevoli, 8 contrari, quelli dei consiglieri di opposizione presenti, e un astenuto. Ad astenersi Adele Tonnini, che già durante il dibattito aveva espresso alcune perplessità su qualche articolo, come quello sull’Azienda dei servizi sul quale, al di là di addossare le colpe sul direttore, trascurando che il presidente Aass è in quota Rete, aveva affermato di non essere d’accordo con una eventuale privatizzazione della azienda. Battuta non passata inosservata e anzi rimarcata da Matteo Ciacci che ha evidenziato come la cosa sia preoccupante, anche perché di privatizzazione dell’Aass finora non se ne sia mai parlato. Altri consiglieri di Rete hanno poi nei loro interventi provato a far passare in cavalleria quelle perplessità della collega. Nelle dichiarazioni di voto, poi, il succo di una legge di bilancio fortemente criticata dall’opposizione con Matteo Ciacci di Libera ha parlato dell’impossibilità di confronto. Poi ha rilevato “debito debito debito, senza una visione. Di sicuro fino ad oggi avete dimostrato di essere solo il governo della Valeria Pierfelici. Noi vogliamo più progettualità”.

Nicola Renzi di Rf ha parlato di un bilancio cupo che condanna il paese al debito, in un clima surreale che conclama il fallimento della gestione sanitaria. Assenza di scelte. “Questa finanziaria sancisce la vostra incapacità a portare le riforme che vengo- no rimandate sine-die perché l’unica urgenza era la giustizia”, dice Renzi.

Manuel Ciavatta per la Dc parla di un bilancio tecnico e annuncia, di nuovo, la necessità di riforme, ribattendo: “non siamo nati per la giustizia, ma per fare giustizia”. Non sono intervenuti nelle dichiarazioni finali esponenti di Npr e di Motus Liberi.

Il giorno successivo, ieri, ha rilasciato alla San Marino Rtv le sue dichiarazioni il Segretario di Stato Luca Beccari, che per conto del collega Marco Gatti, risultato positivo al covid, ha condotto la discussione sulla legge di bilancio.

“Questa finanziaria riflette i dati economici di San Marino, che sono in ripresa, ma che per avere effetto hanno bisogno di provvedimenti di più lungo respiro”. C’è quindi il tema delle riforme “che rimane centrale unito alla necessità di dare continuità all’approccio sulla finanza pubblica in generale”, dice il Segretario agli esteri. Beccari parla di deficit sotto controllo e di possibilità di portare il bilancio in pareggio nelle prossimi due esercizi. Il Consiglio, dopo il voto della legge di bilancio e alcuni adempimenti improrogabili, vista la situazione contagi e l’emergenza sanitaria in atto, si è chiuso con tre giorni di anticipo.

Tutti rinviati i commi non evasi.

 

Articolo tratto da L’informazione di San Marino, pubblicato dopo le 23

 

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy