San Marino. Riforma delle pensioni, Giovanni Giardi: “Prioritario non lasciare indietro nessuno”

Giovanni Giardi condivide con i lettori una breve riflessione sulla riforma delle pensioni.

“Sono in corso le trattative per la riforma del sistema pensionistico. Compito complesso per tutti i paesi in crisi economica, con natalità bassa e longevità alta. Mi fido dei sindacati e spero ci sia la disponibilità al confronto: non è tempo di puntigliosità.

Bisogna fare una riconsiderazione complessiva e organica di tutta la politica sociale per gli anziani che hanno ancora tanti bisogni non considerati e perché siamo in una situazione radicalmente cambiata in pochi decenni. Per quanto riguarda il sistema pensionistico mi sembra che i pensionati sammarinesi, con poche eccezioni da valutare, non stiano economicamente male. Sono forse i cittadini con il reddito più sicuro di tanti lavoratori precari e con le attività economiche in bilico, però quando arriva la necessita di un ricovero in una struttura o dell’assistenza continua a domicilio, molti pensionati, anche con pensioni medio alte, nonché molte famiglie si possono trovare in difficoltà. Non si può chiudere la trattativa senza dare risposta a questo problema.

10.000 pensionati sono una forza. possono dare vita un fondo autonomo, anche non gestito dall’ISS, modello fondo servizi sociali, per concorrere alle spese di emergenza di cui sopra. Anche senza chiedere niente allo Stato che ha ben altri problemi, se non le norme necessarie istitutive e di compatibilizzazione col sistema pensionistico: se chiedono 20, 30 euro al mese (sempre con attenzione all’equità) per un fondo che garantisca aiuto al momento del bisogno rispondo sì con convinzione. Così hanno risposto anche molti amici interpellati.

Si tratta di entrare nel concetto di una giustizia sociale che tenga conto dei bisogni della gente e non delle generalizzazioni e degli egoismi individuali: una giustizia sociale che non lascia indietro nessuno!

Vogliamo provarci?”

Condividi


Per rimanere aggiornato su tutte le novità iscriviti alla newsletter

Quando invii il modulo, controlla la tua inbox per confermare l'iscrizione

Privacy Policy